Cortenova, 16 marzo 2014
Una "guerriera" e un "cavaliere" ai piedi della Grigna

Si torna per il terzo anno consecutivo a Cortenova (Lecco) e finalmente il paesino della Valsassina ai piedi della Grigna si rivela nella sua sfavillante bellezza! Temperatura quasi estiva, cielo azzurro seppur con presenza di nuvole che sembrano giocare a rincorrersi, cime innevate di una conca battuta da un venticello che rinfresca la faccia baciata e abbronzata dal sole… Realtà, non poesia.
Valeva la pena svegliarsi presto e gioire di questo spettacolo, così come lasciare le preoccupazioni sulla salute della nipotina Sofia, che per una settimana ci ha tenuto in ansia (e l’umore dei nonni è proporzionale alle condizioni atmosferiche, ma soprattutto… alla salute dei nipoti!)

Viaggio tranquillo e comodo sulla “voiture” del Presidente con i genitori dei nostri due rappresentanti convocati, che invece viaggiano sul pullman della rappresentativa bresciana: Stefano, torna a Cortenova per la terza volta, e Laura invece è all’esordio, anche con il… chip.
Tante chiacchiere su svariati argomenti, tante notizie e avvenimenti ricordati e mi accorgo di… ripetere fatti già narrati che Alessandro deve ormai aver metabolizzato! Anche questo è sintomo di… essere in là con gli anni! Musica e discorsi tuttavia non disturbano Renato capace di appisolarsi sia all’andata che al ritorno.

All’arrivo delle rappresentative, dopo una discussione sul parcheggiare o meno nei pressi di un… letamaio, la zona di gara sembra un formicaio colorato grazie alle divise delle varie province, lombarde ed extra, che partecipano ad un evento incredibile per un paesino che, con le frazioni, conta tanti abitanti quanti i… giovani atleti arrivati a cimentarsi nel cross!
Ovviamente non mancano disagi soprattutto in fatto di… servizi, con gli unici due bar della zona letteralmente assediati per comprensibili esigenze! Basterebbero bagni chimici… presi in affitto. L’altro aspetto migliorabile ci pare quello relativo alla partenza, un rettilineo troppo breve che presenta una curva a gomito dopo soli 50 metri!
Disponendo di ampi spazi si poteva… far meglio. Sono considerazioni in chiave propositiva, perché il resto è stato veramente all’altezza della situazione, complice il bel tempo. Una leggera pecca anche per la nostra rappresentativa, causata dalla mancanza di… maglie per tutti i convocati!

I nostri due atleti si battono al meglio della rispettiva condizione: Stefano è già con la mente alle imminenti gare che l’attendono in pista e, dopo le brillanti prove indoor, già pregusta la soddisfazione che proverà nei lanci ,nei salti, sugli ostacoli e nelle staffette. Un giovane insomma che spazia nelle specialità atletiche a 358 gradi (gli mancano asta e marcia ma forse rimedierà…) e che gode di tutte le opportunità offerte dai tecnici che lo seguono.

Laura è già convinta che la corsa prolungata sarà la disciplina preferita e su questo profilo si è migliorata tantissimo rispetto a quando, un po’ spaurita, ha fatto la sua comparsa sulla pista navense. Quello che accomuna i due nostri atleti è il grande amore per l’atletica, la disponibilità al sacrificio, all’ascolto dei consigli che vengono dati (meno quelli legati al… defaticamento!) la puntualità con la quale svolgono il loro compito senza trascurare i doveri scolastici. Alcune soddisfazioni se le sono già prese e, da quanto lasciano intendere, hanno voglia e volontà di riceverne altre. Vederli accomunati e affiatati, con altri nostri atleti, in questo intento ci fa veramente sentire felici e alleggerisce il peso dei nostri sacrifici, lo spazio che togliamo al lavoro, alla famiglia, al tempo libero.

La rappresentativa bresciana, classificata al quinto posto, godrà per gli sforzi di tutti i componenti: per la gioia di vittorie e medaglie preziose conseguite dal trio meraviglioso della Vighenzi Padenghe (Favalli, Campana e Cherubini) per il bronzo di Stefano Lombardi ( gareggiava fuori punteggio nella categoria allievi/e dove hanno brillato anche le gemelle Zanne, Camilla Vertua e Simone Sorcina) per i validi piazzamenti di Matteo Guatta, Daniele Caceffo ,Mattia Zambelli, Amsellek Nasim, Francesca Speziani, tutti entrati fra i primi 10 classificati, per il contributo offerto dai nostri “audacini” Stefano (che ha profuso il meglio di sè ed ha gareggiato non da “riserva” ma da autentico titolare) e Laura (che ha condotto a termine una gara giudiziosa, tenace e brillante piazzandosi in ottima posizione, 21^). Abbiamo avuto modo di apprezzare autentici giovani talenti del cross (su tutti Marta Zenoni e Elliasmine Abdelhakim atleti bergamaschi (!) di cui probabilmente sentiremo parlare in avvenire.

Per noi comunque Stefano e Laura sono stati… un cavaliere e una guerriera: questo titolo mi è stato suggerito da una canzone (La leggenda della Grigna, testo di Luigi Santucci, musica di Vincenzo Carniel) che mia moglie ha confidato cantasse da ragazza. Arrivando a Cortenova abbiamo visto “Quel ramo del lago di Como…” di manzoniana memoria (ma non per tutti!) mentre poco più in là c’è Bellano, il luogo dove uno dei miei scrittori preferiti (Andrea Vitali) ambienta i suoi romanzi. Adesso però basta con la cultura… e via con la corsa : prossimo appuntamento quello su strada, ad Acqualunga di Borgo San Giacomo domenica 23 marzo.
A presto, preparatevi bene perché… portiamo solo chi ha voglia di correre.

 
             

Paolo

 
  Le immagini