Chiari Lodi e Olgiate Olona, 9 e 10 maggio 2015
Week end con autentiche imprese di Elena, Stefano, Veronica e… piccoli campioncini

Fine settimana denso di appuntamenti atletici: si comincia sabato con la rassegna di Chiari nella quale sono impegnate le categorie esordienti e cadetti: brilla subito la prova di Elena Carraro che ottiene un probante 12”54 sugli 80 ostacoli, nuovo primato sociale, ad un paio di decimi dal “minimo” per i campionati nazionali! Una gara magistrale vinta d’un soffio sulla rivale Adu. Il minimo per i campionati tricolori è a due decimi… non troppo distante dalla nostra pupilla.

Stefano è un po’… legato nel giavellotto, con la testa già alle prove multiple che lo vedranno protagonista il giorno dopo a Olgiate Olona dove è superbo nell’alto (1,71) bravissimo nel lungo (5,30) e sulle barriere (15”90) discreto nel disco (23,18) poco efficace nel giavellotto e... al lumicino di energie nei 1000. Il totale raggiunto è comunque brillante, 3070 punti al primo anno di categoria e ottavo nel piazzamento finale (premiano i primi 10 tranne lui… forse perché non era inserito in rappresentativa?). Decisione comunque assurda a livello di promozione giovanile!

A Chiari “salta” la staffetta veloce per un malessere di Licia mentre Maria “assaggia” con estrema cautela la nuova distanza dei 300, gara condotta col… freno a mano tirato. Fra i piccoli Marco si batte bene nel salto in alto dove, con trepidazione, ottiene il suo bel primato (1.24) e la gioia di salire sul podio, gioia assaporata anche da Giuseppe e Michele protagonisti di una sofferta gara di marcia dove purtroppo era assente (male al ginocchio) Sara che attendeva con ansia questo appuntamento.
Onorevoli le prove di Luca e Fatima al cospetto di avversari davvero tosti.

A Lodi (CdS assoluti) era impegnata l’allieva Veronica con il peso da 4kg scagliato a 10,31 con piazzamento lodevole, mentre il giorno dopo tornava in pedana nel disco sfiorando 30 metri, cogliendo il “minimo” per i nazionali anche in questa specialità. Marcella, dopo due nulli, otteneva una misura (22,99) decisamente inferiore alle sue potenzialità. Deve vincere l’ansia che la attanaglia in gara.

Tornando a Stefano mettiamo in risalto che era accompagnato dagli appassionati genitori e che è stato bravo a mettere a frutto gli allenamenti tecnici svolti con Andrea.
I risultati premiano chi ha qualità, un valido supporto tecnico e tanta, tanta, tanta… voglia di impegnarsi (Licia, Elena, Stefano e Veronica); le soddisfazioni arrivano solo dopo molti sacrifici.
E’ l’unico modo per assicurarsi miglioramenti che gratificano le già valide attitudini trasmesse dai cromosomi di famiglia. Lo diciamo a quanti pensano che i risultati e le vittorie arrivino per grazie diverse dal sudore e dalla fatica, anche se, a nostro parere, non deve mai mancare la componente gioiosa di praticare l’atletica come qualsiasi altro sport.
E’ un invito che rivolgiamo ai nostri piccoli e grandi atleti, uno stimolo a valorizzare le loro capacità con un costante allenamento e la gioia di confrontarsi con i propri personali progressi e con gli altri in serenità, un concetto che ha ben ha espresso Letizia Rosa nella sua intervista…

Ora le ragazze e i ragazzi sono attesi alla prova del memorial Greotti su pista e pedane di casa dove auspico ci siano tutti e… si facciano notare positivamente mettendocela tutta!!

Una nota conclusiva per segnalare che quest’anno non si è svolta la Scalata della Maddalena, manifestazione prestigiosa portata avanti con passione e competenza da quanti hanno a cuore la tradizione podistica nel nostro paese; dopo 23 anni si è interrotto un appuntamento che portava sulla montagna di casa il meglio del podismo nazionale. Speriamo si tratti di uno stop temporaneo, dovuto alle vicende economiche che travagliano anche tante famiglie di Nave; ci auguriamo che il lavoro (ripreso) porti serenità e tranquillità ed i giusti stimoli per riprendere il filo di una iniziativa magistralmente condotta da autentici appassionati (su tutti Maurizio Gabossi) e associazioni come Audaces Nave e Parrocchia di Muratello che, unitamente all’Amministrazione comunale e a generosi sponsor permettevano di confezionare la più importante manifestazione sportiva espressa sul nostro territorio.

 
             

Paolo

 
  Le immagini              
  I risultati