Nave, 27 novembre 2014
Tempo di cross country... tempo di fango, pioggia, fatica... e soddisfazioni!

Con l’avvento della stagione autunnale e invernale l’attività atletica segnala il ritorno della corsa fra i campi, appunto… la campestre, attività che se a moltissimi fa venire… l’orticaria, a me e a Carlo suscita entusiasmo e ricordi indimenticabili di un tempo felice, ormai lontano.
Chi non ama la campestre non può capire il senso di correre nel fango, sotto la pioggia o la neve, patire il freddo, ma arrivare al traguardo e potersi magari concedere una doccia calda che rimette tutto a posto e crea l’euforia tipica di chi si è caricato di… adrenalina! Credetemi sulla parola, non è masochismo, ma una sensazione splendida: superare avversità fisiche e ambientali con forza di volontà e tenacia ti assicura una corazza per gli sforzi a venire, ti fa capire che puoi affrontare le difficoltà e diventare più forte…
Questo è il nostro concetto di corsa campestre e soffriamo quando qualcuno pensa che rappresenti solo un… castigo, come se correre liberi nella natura fosse una bestemmia.
Non pretendiamo di convincere nessuno, ma almeno lasciateci considerare questa affascinante disciplina come una delle più sane e genuine dell’Atletica con la A maiuscola!

Amiamo talmente la corsa campestre che volentieri, io e Carlo, avendo tempo a disposizione, andiamo volentieri  a vedere all’opera  i nostri atleti  quando gareggiano per il loro istituto scolastico: lo abbiamo fatto recentemente con Benedetta e Martina, impegnate sul percorso adiacente l’Abba-Tartaglia e siamo rimasti positivamente sorpresi e contenti del loro splendido risultato (Benedetta seconda e Martina quinta!) Peccato che la scuola non vada oltre l’attività di Istituto perché sarebbe stato splendido veder gareggiare le nostre… gazzelle alla fase provinciale dove speriamo ci siano altre “audacine”.
Siamo andati anche a Caionvico, su gentile invito della prof.ssa Magro, per aiutarla nell’organizzazione del cross scolastico nel parco adiacente la scuola media. Anche questa è stata una bella esperienza, anche se nessuno dei giovani risultava tesserato per i nostri colori. Era in programma  in questi giorni anche il cross organizzato dalla “Virgilio”, ma le avversità meteo hanno costretto i colleghi a spostare la data più volte. Lo stesso è capitato a Nave e la fase di istituto “dovrebbe” disputarsi nella mattinata di giovedi 4 dicembre.

Le date della fase “provinciale” scolastica  sono invece fissate  tassativamente per il 17 (scuole medie)  e 18 dicembre (scuole superiori) a Padenghe; io e Carlo cercheremo di esserci, sperando vivamente di vedere all’opera, con gioia e non con musi lunghi, i nostri… ragazzi e le nostre ragazze.

Insomma, lasciateci  sognare… e ricordare!

 
             

Paolo e Carlo