Nave, 10 febbraio 2013
Scherzi di... Carnevale!


Domenica 10 febbraio, un... carnevale davvero indimenticabile! La prima notizia curiosa è l'arrivo della... nuova fiammante vettura di Alessandro, un auto attesa a lungo nel rimpianto di un'altra che ha fatto per intero il suo dovere per 12 stagioni!
Ora, finalmente, con le quattro portiere, niente più salite di traverso per noi... vecchietti, rischiando pericolosi stiramenti muscolari. Ora musica, riscaldamento, orario, termometro... tutto a disposizione con grande comodità. Bella scelta davvero e propositi di non salire con le scarpe... sporche!

Esco a prendere il giornale prima dell'arrivo di Carlo con il quale andrò a sostenere Giada, alle prese con il cross della Badia, una prova impegnativa di 4,5 km che affronterà da sola poiché l'amica Federica è influenzata.
Al rientro trovo una nota di mia moglie sul tavolo: Carlo è in ospedale! E' stata la telefonata di Carla ad avvisarci di un ricovero precauzionale per l'accertamento di una pressione troppo alta!
Parto per la Badia, ma in mente ho soltanto la preoccupazione per la salute di uno straordinario e generoso amico e spero che tutto si possa risolvere presto nel migliore dei modi.

Non scorgo ombra di Giada né di Andrea che l'accompagna e la sua gara (anticipata) è già prossima al via quando la vedo arrivare trafelata, senza avere nemmeno il numero di partenza; la invito a prepararsi in fretta mentre convinco i giudici (grazie!) di accettare ugualmente al via la nostra atleta: espleteremo la parte burocratica dell'iscrizione a gara conclusa.
Giada parte senza riscaldamento e, ovviamente, trova alcune difficoltà iniziali nella corsa; la ragazza tuttavia è tosta e, pian piano, reagisce e migliora l'andatura sino a trovare uno spunto finale pregevole, date le condizioni. Brava!
Il suo "crono" risulterà di 23'56" e, al di là delle tantissime atlete che l'hanno preceduta (gareggiavano insieme atlete junior, promesse, senior e quasi un centinaio fra "master e amatrici") figurerà seconda della categoria "Promesse"! A nostro giudizio avrebbero dovuto premiarla, considerando come vengono premiate altre atlete in base a varie categorie. Sono le contraddizioni di un mondo che privilegia il settore amatoriale a scapito di giovani che pur vorrebbero praticare la "regina degli sport". Altra nota dolente è l'aver anticipato le gare senza aver avvisato tempestivamente, così da rendere problematica la partecipazione di chi legge un orario di partenza e poi se ne ritrova uno diverso.

Si ritorna a casa ed il pensiero è ancora rivolto alle condizioni di Carlo: come starà? Provo nel pomeriggio a telefonare, ma non ho risposta. Lunedì mattina ho notizie dalla moglie e nel pomeriggio, con Alessandro, sotto una bella nevicata che bagna la nuova vettura, andiamo a trovare l'amico che nel frattempo pare più rinfrancato, così come lo siamo noi dopo la visita.

Scrivo queste note uno strano martedì di Carnevale... nevica ancora tanto e l'attenzione è rivolta a Papa Benedetto XVI per le sue dimissioni, annunciate ieri. Un momento storico significativo, nel quale si intrecciano vicende importanti ed altre che possono apparire piccole, ma ci coinvolgono profondamente sul piano umano ed emotivo: auguri Carlo, prezioso per la famiglia e per tutti noi dell'Audaces Nave!

 
             

Paolo