Ciliverghe, 2 dicembre 2012
Ciliverghe... un cross davvero best

Uno splendido tracciato di cross accoglie la nutrita pattuglia navense in occasione della disputa dell’ultima campestre dell’anno solare 2012 ottimamente organizzata dal GS Rezzato in collaborazione con gli Alpini di Ciliverghe e le amministrazioni comunali di Mazzano e Rezzato. Un plauso sincero a quanti hanno consentito lo svolgimento di questa gara, scovando un percorso bellissimo nei pressi del Parco extraurbano di Ciliverghe per la gioia dei quasi 300 atleti convenuti da ogni angolo della provincia. Anche il cielo, dopo la pioggia caduta copiosa per tutta la settimana, ha avuto…pietà degli sforzi degli “amici” di Rezzato (sempre nel mio cuore) e ha smesso di …piangere permettendo ai giovani di correre nel fango, ma asciutti.
Per quanto riguarda i “nostri” audacini diremo che erano ben cinque (Valeria, Anna, Simone, Matteo e Paolo) i neofiti in gara, ovvero quelli che hanno vestito e difeso per la prima volta i gloriosi colori giallorossi: sono stati davvero bravi a superare le ansie, le paure e l’agitazione inevitabilmente presenti in questi frangenti.

Assenti gli esordienti B/C la manifestazione ha avuto inizio con la categoria esordienti A femminile dove le nostre Licia Degiacomi e Arianna Pedrali si sono battute alla pari con le migliori, terminando rispettivamente al quarto e ottavo posto. Licia, intralciata da una atleta cadutale fra i piedi nel corso della prova, ha perso sull’ideale filo di lana la terza piazza, battuta dalla brava amica-rivale Martina Mensi alla quale 15 giorni prima aveva soffiato il podio proprio a casa sua, Pompiano. Arianna si produceva invece in un ottimo finale di gara recuperando posizioni importanti cogliendo l’ottavo posto. Ha vinto la “solita” Favalli impiegando 2’55” (a Pompiano le erano bastati 1’37”, segno che la distanza era quasi la metà!). Brave anche Arianna Zanola (31^) e la giovanissima Valeria Roncali (32^) accomunate dall’identico tempo (3’59”) mentre un po’ più staccate finivano Anna Piccoli (esordio) e Sofia Onorini, fresca di…compleanno.

Fra i maschi esordienti A, all’ultima prova nella categoria, si esaltava Stefano Cordella con una condotta di gara davvero pregevole: prepotente il suo finale, un appassionante testa a testa con il quotato Matteo Guatta (2’54”) che lo precedeva di un soffio; Stefano(2’55”) nella volata incocciava anche in un paletto! Molto valide le prove di Gabriele Azzani (16°) Simone Spagnoli (17°) e Alessandro Abeni (18°) che conquistavano preziosi punti per la classifica a squadre. Ottimo l’esordio di Simone Spagnoli, un..tipino davvero tosto che saprà farsi valere in questa disciplina.

Fra le “ragazze” generosa la gara di Laura Ghidoni (13^) che migliorava il suo precedente piazzamento e si dimostrava davvero capace di reagire allo sforzo prolungato richiesto, mentre la "convalescente" Veronica (ancora in maglia azzurra!) non era al meglio della forma, ma otteneva un positivo piazzamento (34^ sulla sessantina di partenti) così come facevano Sofia Cammarata (37^), Martina Spagnoli (41^), Giulia Franzoni (44^), Silvia Caravaggi (47^), la “fosforescente” Laura Romagnoli (48^), Lara Fiini (51^) e Marcella Tameni (52^). Poco fortunata e costretta al ritiro Martina Dossi, spintonata e caduta un paio di volte sul tracciato viscido.

Fra i maschi della stessa categoria mancava ancora il nostro miglior rappresentante (Matteo Faini) impegnato ormai con la palla a spicchi, ma si battevano bene i vari Samuele Pedrotti (25°), Matteo Spagnoli (28°) e Paolo Bassolini (32°) entrambi all’esordio e Pietro Almici (38°). Per i quattro…moschettieri, così come per le ragazze, verranno tempi migliori e gare più consone alle loro indubbie qualità!

Per concludere segnaliamo la buona classifica di squadra con i maschi (sesti) che precedono stavolta le ragazze (ottave) a livello provinciale; una bella giornata di sport che poteva essere guastata da una leggerezza di Gabriele: per scaldarsi si avvicinava troppo al fuoco degli Alpini e il piumino indossato andava ….arrosto! Per fortuna Gabriele si è solo …..scaldato e, dopo la paura, possiamo sorridere della faccenda.
Una nota positiva per l’atteggiamento collaborativo e socievole dei tanti genitori presenti che hanno accompagnato e incitato i pargoli impegnati nella prova: è un bel segnale per i ragazzi, così come lo è quello di riuscire a stabilire contatti e conoscenze reciproche durante avvenimenti sportivi significativi che accompagnano la maturità dei giovani. Per noi dell’Audaces Nave è bello vederli crescere , sani, gioiosi e sereni, indipendentemente dal risultato agonistico. Se vincono, ovviamente, siamo contenti, ma credeteci, ci riempie di gioia anche solo vederli partecipare attivi, impegnati e solidali fra loro come avviene in una autentica squadra di amici. E questo crediamo valga più delle medaglie!
Auguri a chi era indisposto, ammalato e festeggiava il compleanno; una tiratina d’orecchi a chi, temendo la pioggia, è rimasto a letto….. A tutti arrivederci ai prossimi impegni e, sin d’ora, buon 2013.

 
             

Paolo

 
  I risultati
Le immagini