Nave, 3 aprile 2018
Si ricomincia con le gare in pista!

Per chi… soffre la corsa fra i campi (e sono tanti i nostri tesserati alle prese con questa malattia!) è venuto finalmente il momento di… sfogarsi.

Basta freddo, basta fango, basta sporcarsi, ora tutto si fa più facile e comodo!

Si potranno scegliere gare più facili, più adeguate alle proprie capacità ed ai gusti personali, più… corte, insomma più agevoli in tutti i sensi. Qualcosa cambierà? L’esperienza ci dice di no: vedrete che chi mancava alle campestri continuerà a mancare anche dopo… e le scuse saranno ancor più variegate (fa caldo, vado al lago, avevo un pigiama party, farò una passeggiata... eccetera eccetera) Spero di sbagliarmi, almeno per questa stagione…

Si ricomincia su pista e pedane dopo che le prestazioni della scorsa annata sono state premiate nel corso del Galà dell’atletica, svoltosi alle Rondinelle: in questo contesto abbiamo avuto molti “audacini” (o ex) gratificati per impegno e qualità, da Veronica Rossetti (convocata in nazionale per i suoi progressi nei lanci) a Stefano Cordella (uno dei migliori allievi nelle prove multiple, purtroppo bersagliato da malanni in questa parte della stagione, ma… consolato affettivamente)
Alessia Seramondi si è segnalata in ogni gara alla quale ha partecipato, con punte di… diamante nel lungo, nella velocità, sugli ostacoli!
Ha ottenuto una meritata borsa di studio ed è stata inserita fra le giovani di riguardo che la Federazione farà crescere a tutti i livelli (umano, sportivo, culturale).
Ad Alessia auguriamo la serenità che sino a questo momento ha potuto manifestare grazie ad una famiglia e ad un tecnico, Andrea, che la seguono con trepidazione, ma senza ossessione.
E’ la stessa situazione nella quale si trova Elena Carraro, inspiegabilmente rimasta fuori dalla premiazione nonostante i risultati ed i record che ha collezionato nella passata e presente stagione.
A lei il compito di porre un po’ di positivo… veleno nelle prossime prestazioni facendo notare, a tutti, il suo standard elevato e costante!
Fra i giovani premiati non poteva mancare la “stakanovista” Simona Marrale, segnalata nei lanci, ma anche in una serie di discipline che spaziano dal cross agli ostacoli e alla velocità, un approccio da prove multiple che farà felice Andrea.
Nel mezzofondo meritato il riconoscimento attribuito a Ludovica Trabona, altra validissima pedina dell’Audaces Nave che ha svariato parecchio e bene fra le discipline della “regina degli sport” (velocità, salti, mezzofondo).
In questa categoria, ora cadetta, poteva esserci anche Sara Vincenzi che tuttavia non ha preso parte a tutte le gare utili per la classifica individuale: farà certamente meglio in questa stagione dove, sono sicuro, dimostrerà a tutti (e non solo a me) il suo talento.
Scendendo fra i più giovani (beati loro!) ecco altri “ audacini” in mostra: Elisa Schirolli che… cresce a vista d’occhio… in tutti i sensi, ecco Davide Tameni talento… rubato al calcio (e già questa è una novità assoluta) che tuttavia deve comprendere come gli allenamenti siano necessari per ulteriori miglioramenti. Premiato anche Matteo Rigoni, un giovanissimo della “covata di Fabio” che tuttavia quest’anno ha scelto di praticare un altro sport; auguri vivissimi, anche se, umanamente, un po’… ci dispiace. Sul palco anche Andrea Abeni che dal basket è passato con brio alle discipline della regina degli sport e rappresenta un punto di riferimento per la categoria.

Dopo questa parentesi ora occorre… rimboccarsi le maniche e frequentare pista e pedane: abbiamo la fortuna di avere un impianto che, per quanto sfruttato e un po’ (tanto!) bisognoso di cure, rappresenta la nostra “casa”: cerchiamo di affollarla!
I numeri per farlo ci sono: tralasciando per un attimo gli esordienti “ereditati” da Fabio ed ora sottoposti alle mie cure, abbiamo un buon numero di ragazzi e ragazze (Andrea, Lorenzo, Margherita, Thomas, Rita, Marta 1 e Marta 2, Elisa, Davide, Greta, Arianna, Luca, Jacopo, Iris, Roberta, Giorgia che promettono bene) e uno ”squadrone di cadette” (Alessia, Aida, Angelica, Elisa, Silvia, Marta, Simona, Fatima, Giulia, Sara) che ci farà sognare, come pure i pochi cadetti come il fedelissimo Marco, l’altalenante Federico e, forse, il rientrante Nicolò.
Da parte nostra cercheremo di essere sempre presenti sulla pista in modo da non offrire alibi a quanti dicono di avere altri impegni; ai genitori che ci sostengono chiediamo di farlo ancor di più, agli altri… chiediamo di fare una riflessione sull’apporto che grandi e piccoli possono portano alla società.

La Pasqua e alcune vicende familiari critiche, vissute attualmente da comuni amici, mi hanno reso… più sereno e meno brontolone… del solito: spero mi aiuterete nel proseguimento di questo… stato d’animo!
Ringrazio gli amici Carlo e Renato che mi sono sempre vicini e l’opportunità offertami di allenare giovani come Silvia e Davide in questi ultimi mesi.
Credo sia servita a me e a tanti nostri ragazzi per comprendere… quanto siamo stati fortunati.
Il nostro presidente Alessandro Greotti ha bisogno di un ulteriore periodo di tempo per sistemare problemi ben più importanti dell’atletica: gli dobbiamo credere sulla parola e attendere fiduciosi.
Ringrazio fortemente le “più” grandi (Martina, Veronica, Benedetta e Laura) di restare vicine a noi: al di là del risultato agonistico, è bello crescere insieme.
Se altre… vorranno aggiungersi saranno ben accolte... in famiglia!

Un abbraccio e… se potete, sopportatemi ancora!

 
             

Paolo