Gavardo, 10 maggio 2018
Gavardo da... incorniciare

L’appuntamento agonistico serale a Gavardo ci ha riservato una catena di prestazioni superbe da parte del “settebello” audacino!
Sei cadette (Alessia, Sara, Simona, Marta, Angelica e Ludovica) e Marco (ancora… assente Federico) ci fanno venire i brividi (non di freddo, ma di contentezza) affrontando esordi spettacolari e confermando che il nostro impegno contribuisce a migliorare le capacità evidenti di ogni componente della… famiglia giallorossa.
La serata, che sarà un po’ troppo lunga per giovani alle prese con verifiche e compiti di fine anno, inizia con l’esordio di Angelica sui 300 hs, una specialità difficile nella quale la nostra giovanissima atleta, pur comprensibilmente preoccupata, rivela la tenacia e il carattere tosto che le riconosciamo, approdando ad un “crono” (58”71) niente male per affacciarsi alla novità... accettata con “fiduciosa perplessità”. In pedana Simona segnalava il buon stato di forma con lanci di prova che facevano presagire qualcosa di buono; in realtà, al momento topico, inanellava prestazioni tutt’altro che positive con una fretta inconsueta nel gesto che mancava del sostegno… delle gambe! In finale si riscattava finalmente con una prestazione energica, sfiorando addirittura la vittoria, mancata per pochi centimetri!
Sui 300 ostacoli Marco, bravissimo, dava il meglio delle sue capacità correndo sotto i 50”, mancando il podio per un soffio dopo un testa a testa avvincente con il coetaneo Marchese.
Nella pedana del triplo avevamo in gara tre atlete: accanto a Simona, già esperta e alla sua sesta partecipazione nella disciplina, c’era l’esordio… temuto da Sara e Marta. Il trio si comportava egregiamente e non mancava… il giallo di un salto esageratamente misurato a Marta (10,13 che in realtà le regalava… un metro!). A noi tecnici (eravamo in tre a… dare consigli!) la gioia di verificare che l’esordio di Sara e Marta, pur con una rincorsa volutamente corta, è stato positivo così come la prodezza di Simona atterrata finalmente oltre la barriera dei 10 metri, sfiorando il podio. L’unica preoccupazione era quella di vedere in pedana Sara dopo la gara sugli 80 metri, altra specialità che ci ha offerto spettacolo ed emozione! Quattro atlete ai blocchi di partenza e… quattro primati personali di rilievo! Alessia corre per la prima volta sotto i 10” (9”99) ed è risultato storico per l’Audaces Nave. Non sono da meno Marta, Sara e Angelica che limano tantissimi centesimi ai loro “personali” e la classifica finale vede tre audacine nella top ten ! Una conferma che il successo ai provinciali della 4x100 non poteva sfuggirci…
 
Alessia vive la situazione con la consueta serenità e ci fa piacere, mentre pur se comprensibile, ci pare un tantino esagerato il clamore… dell’ambiente organizzativo suscitato quando scende in campo! Stare con i piedi per terra è sempre stata una massima da condividere e l’esaltazione non fa parte del nostro dna. Del resto, osservando il settore allieve ci sarebbe da riflettere su dove si perde tanta gioventù… dopo i fasti giovanili.
Non è il momento dei piagnistei ed infatti Ludovica ci regala, a notte fonda, l’ultima preziosa chicca sui 2000 metri, corsi magnificamente con la testa prima che con le gambe! Demolisce letteralmente il suo primato personale abbassandolo di 30” togliendo dall’albo dei primati sociali il nome carissimo di Laura, così come Simona toglie quello di Veronica nel triplo, mentre Alessia succede a… se stessa nella velocità!
Marco infila per quattro volte il giavellotto… fuori settore, un primato anche questo, con il proposito di migliorare decisamente entro la stagione, un proposito che considerando la tenacia (testardaggine) dell’unico nostro cadetto sarà certamente un traguardo raggiungibile.

Che altro aggiungere alla serata magnifica respirata in un magnifico paese come Gavardo? La riunione tanto attesa non si farà, almeno sino alle vacanze! Poi, con calma e senza sclerare (lo dico a me stesso) si tireranno le somme di una situazione che certamente deve essere vagliata e ponderata. I nostri giovani hanno risposto in questi termini alla… crisi, noi tutti, cosiddetti... grandi, cerchiamo di farcene una ragione!
Sul far della mezzanotte, verificando il risultato di Veronica a Tarquinia, abbiamo avuto la conferma che si è ben comportata(8^ con 42,26) in una gara di lancio del disco che vedeva in lizza il meglio delle atlete nazionali!
Bravissima, dopo una trasferta… mordi e fuggi!

 
             

Paolo