Chiari, 22 aprile 2018
Staffetta 4x100 audacina trionfante nei provinciali

L’Audaces Nave onora nel migliore di modi il ricordo di Davide Boroni, giovane valtrumplino appassionato di atletica al quale la società, cara all’amico Domenico Quaresmini, dedica una manifestazione commovente e partecipata su pista e pedane di Chiari.

In palio c’erano anche i titoli provinciali delle staffette veloci riservate ai cadetti/e, una occasione ghiotta per le nostre valide protagoniste che hanno conquistato il primo titolo provinciale della stagione 2018: Simona, Alessia, Sara e Marta salgono sul gradino più alto del podio e indossano la maglia di campionesse provinciali dopo una gara quasi perfetta. Il “quasi” è rappresentato dall’ultimo cambio fra Sara e Marta, un cambio che rischia di finire fuori settore e obbliga Marta a frenare vistosamente prima di ricevere il testimone. Nonostante ciò il crono finale (52”88) assegnerà alle brillanti “audacine” la vittoria sulla altrettanto valida formazione di Rezzato che primeggia in altra serie e conclude in 52”96!

La manifestazione di Chiari mette in luce tante altre validissime prestazioni dei nostri giovani; Alessia sigla un 45”08 sui 300 ostacoli che si rivelerà il miglior risultato tecnico del “memorial Boroni” e condivide un podio sul quale sale anche Cottali, altra atleta entrata a far parte del “nucleo Uberti”. Simona vince la gara di getto del peso, specialità tecnica da affinare con tanta dedizione, mentre Ludovica opta per i 300 dove sa gestire assai bene lo sforzo ottenendo un probante 44”22 che la vedrà terza assoluta. A mio parere avrebbe dovuto partecipare ai 1200 siepi, ultimando le gare di un settore (mezzofondo) nel quale già si era espressa (bene) sia sui 1000 che 2000 metri. In settimana, sulla scelta di non farla partecipare alla staffetta, ne è scaturita una polemica assurda con battibecchi esagerati e mai sentiti in casa nostra. Sono sintomi, a mio parere, di scarsa comprensione e affiatamento in una società nella quale sta mancando serenità e guida. Il caldo (!!!) poi ha elevato i toni, ma urge chiarezza fra le parti .
Una “ritrovata” Marta si è rivista più rinfrancata sulla pedana dell’alto mentre Sara, Giulia, Silvia, Fatima hanno concorso a rimpolpare i risultati complessivi di un settore cadette che, contando anche sulla pimpante Angelica dovrebbe darci ampie soddisfazioni nei prossimi appuntamenti agonistici. Fra i cadetti, in attesa del… fantasmino Bassi, Marco Prandini si è comportato benissimo sia nei 1200 siepi (con il 4’09”8 ha demolito il primato sociale detenuto da Spagnoli) che nel giavellotto scagliato (…si fa per dire) a m. 24,07. La padronanza dell’attrezzo si vede e Marco si è posto l’impegno di raggiungere i 30 metri entro il finale di stagione… e quando Marco si mette in testa una cosa… è tosto nel raggiungerla.

Nella categoria “ragazzi/e” si sono viste prestazioni assai belle. Il biathlon non sempre accomuna due specialità gradite, ma Jacopo ha sfoderato un 10”74 sugli ostacoli e un 41,73 nel vortex! Chapeau!
Davide non è stato da meno ottenendo 11”30 sulle barriere e portandosi a 37,74 nel vortex: bravissimo (per uno che si allena una volta a settimana!)
Luca ha superato i 30 metri nel vortex, Thomas si è migliorato sugli ostacoli, Andrea voleva fare il salto in alto, ma è stato frenato dai… 1000 abbinati!
Lorenzo è passato dai tremori iniziali del salto in alto all’euforia di quote superate impensabili (1.34!) e ha tenuto bene anche nel mezzofondo (3’47”82).
Nell’alto Greta (finalmente) ed Elisa hanno fatto valere i loro… piedini (1.28 e 1.25) mentre il caldo le ha distrutte sui 1000 .
Giorgia ha saltato gli ostacoli come fossero decisamente più alti, pagando il ritmo dei tre passi non mantenuti fra le barriere: esperienza che non rifarà più e la attendiamo “sotto” gli undici secondi al prossimo impegno! Nel vortex bravissima Marta che porta il suo p.b. a m. 35,97 e nel computo finale si colloca davanti alle compagne Giorgia, Roberta e Margherita. Brevissima la gioia di Margherita accreditata di un 11”82 sugli ostacoli che in realtà era il tempo di Roberta, in un primo tempo data per “non partente”! Un bel settore in fermento anche questo delle ragazze tenendo conto delle assenze di Iris, Arianna e Rita che speriamo di rivedere all’opera a Salò.

Mercoledi 25 aprile infatti è programmato uno dei meeting giovanili più spettacolari e sentiti, quello messo in cantiere da una società invidiabile come la Robur Barbarano! Invidiabile per impegno, dedizione, capacità organizzativa, serenità nei rapporti fra genitori e società, coinvolgimento… esempi ai quali dobbiamo fare riferimento. Una invidia… buona che deve farci riflettere... TUTTI!

Un grazie a Roberto, a Renato e a Michele che, in assenza del coach Uberti, pur indossando una maglia… originale, ha dimostrato un cuore e una sensibilità notevole verso i nostri giovani. Appuntamento a Salò per TUTTI …anche se le gare non potranno accontentare le aspettative di TUTTI.
Una nota doverosa infine per applaudire i faticatori delle prove multiple che spesso vediamo allenarsi sul nostro impianto, con Stephen e Alexi saliti sul podio degli assoluti (peccato i tre nulli di Stephen nel lungo dopo risultati davvero brillanti che l’avrebbero forse portato all’ennesimo primato provinciale… da premiare con 10 euro) Brava Silvia, la mammina volante sugli ostacoli e brave Paola e Noemi a cimentarsi in una specialità che racchiude… tante specialità ! Ciao

 
             

Paolo Ortolani