Alzano Lombardo, 27 maggio 2018
Giorgia reginetta della velocità!

Fine settimana sempre più ricco di impegni agonistici per i nostri giovani; domenica è stata la volta della trasferta in terra bergamasca, ad Alzano Lombardo, paese di 9 mila abitanti dotato di un gioiellino di pista e di strutture collaterali che dovremmo far visitare ai nostri amministratori… e fare anche nostre opportune osservazioni come società! Si è trattato di una giornata positiva per i nostri colori poiché l’Audaces Nave alla fine del Trofeo Rosso è risultata settima fra le oltre 50 presenti all’appuntamento. Bravi quindi i nostri giovani ed un pensierino… che si poteva far ancor meglio se ci fossero allineati ai nastri di partenza altri che sono rimasti a casa per impegni validi o anche… no.

Strepitosa la prova delle ragazze con Giorgia che si è imposta nella velocità (8”66) segnalandosi nel lungo (4,20) mentre Roberta vinceva finalmente la paura sugli ostacoli volati in 10”35 e otteneva un buon 3,83 nel lungo dove ha ancora ampi margini di miglioramento! Marta non era da meno e realizzava il personale nel peso (8,03) battendosi bene anche nel vortex(35,13) Elisa si portava a 3,69 nel lungo e realizzava un 9”41 nella velocità, palesando ancora difficoltà nell’utilizzo efficace dei blocchi (la gara di Nave con partenza in piedi dava ben altri riscontri!). In campo maschile Davide, alle prese con una tallonite che lo perseguita da tempo, si batteva stringendo i denti sia nella velocità (8”81) che sulle barriere (11”21) rinunciando al suo apporto nella staffetta dove comunque i 4 amici (Andrea, Lorenzo, Jacopo, Thomas) offrivano un confortante risultato cronometrico. Nell’alto Bravi Andrea (1.29) e Lorenzo (1.30) validissimo Jacopo nelle due discipline affrontate scagliando il vortex ad oltre 41 metri e correndo i 1000 in 3’21”22 mentre Lorenzo in altra serie otteneva un buon miglioramento personale con 3’36”48 correndo quasi costantemente in... seconda corsia!
Thomas e Andrea affrontavano gli ostacoli cogliendo punti preziosi per la società che concludeva con un bottino totale di 9465 e restava per una manciata di punti staccata dagli amici di Chiari. Nella tarda mattinata entravano in gara anche i cadetti Angelica e Marco: la prima sfornava 4 rincorse identiche e altrettanti risultati buoni nell’ordine dei 4,20 mentre Marco scagliava il giavellotto a 23,01 e non si cimentava nella velocità.

Un plauso ai tanti genitori che hanno accolto positivamente l’invito di accompagnare i figlioli in terra bergamasca per un impegno corale davvero positivo per i colori giallorossi. Unico neo (comprensibile per la giovane età dei nostri ragazzi) è l’esagerata ansia con la quale affrontano le gare. Ripeto, è comprensibile, ma va superato perché “soffoca“ qualità come la scioltezza dei gesti, la concentrazione dei movimenti, la lucidità nel valutare il da farsi. Esagero?
Può darsi, ma… lo faccio per loro e i miei rilievi non sono rimproveri.

Nell’ ultimo week end si sono fatti onore altri “audacini” ed ex: Simona, nel pentathlon di… 4 gare (giavellotto senza punteggio) si è ben comportata (2529 punti) a Busto Arsizio dove la brava Martina Cottali è giunta sesta con 3095.
Mancava Alessia per un risentimento alla schiena e altre che non se la sono sentita di affrontare tante discipline così diverse, ma in prospettiva prove multiple ne vedremo delle belle la prossima stagione.

Eccellente è stata Elena sugli ostacoli alti ottenendo 14”22, nuovo primato provinciale, lasciando mammina Silvia a sei centesimi. Una bella doppietta per le atlete seguite da Andrea.
Veronica ha fatto la sua parte nel CdS scagliando peso e disco a buoni livelli e sarà chiamata ad impegni importanti quando gareggerà nella sua categoria.
Un plauso a Tommaso Tanagli (e al collega Bossini che ha…. fatto crescere sia lui che Silvia) per l’ottimo primato bresciano ottenuto sui 400hs e alla giovanissima Sophia Favalli che inanella prestazioni mostruose nel mezzofondo e demolisce il suo limite nei 1000 metri vincendo la finale studentesca a Palermo. L’atletica bresciana è viva anche nei talentuosi saltatori scuola Castenedolo e velocisti di scuola bresciana, compresa la giovanissima Marinella Signori che non smette di stupire.

Un bel momento per la regina degli sport… ed è un peccato che non tutti agiscano per unire il movimento bresciano anziché dividerlo!! Cose dette e ridette più volte… invano.

Ciao 

 
             

Paolo