Chiari, 17 settembre 2017
Ultimo impegno agonistico giovanile

Ultimo impegno agonistico su pista per ragazzi ed esordienti; pista e pedane di Chiari, risparmiate dal temporale che ha imperversato sino alle 9 del mattino, hanno visto una buona partecipazione dei nostri pupilli audacini; purtroppo assenti alcuni fra i più attesi (Bossini e Vincenzi, mentre Tameni era vittima di uno stiramento che gli ha precluso la gara ad ostacoli e Caterina ha potuto esibirsi solo negli ostacoli saltando in lungo solo una volta per lo stesso fastidio).

Non sono tuttavia mancate ottime prove ad iniziare dall’esordio favoloso di Jacopo che, nell’arco di pochi minuti ha colto un bellissimo risultato sui 1000 (3’38”04) e scagliato il vortex a m. 39,39 preceduto da Marco Prandini (39,64) che, in questa specialità si è collocato sul terzo gradino del podio dopo aver corso i 60hs in 11”58 (e perso un ghiacciolo) Luca Mantovani si è via via migliorato nel vortex arrivando a 25,54 mentre sui 60 è sceso a 9”86.

Fra le ragazze Ludovica si è ben comportata sui 60 (9”30) ma ha avuto soggezione nella sua prova di mezzofondo, corsa sopra i 4 minuti solo per orgoglio. Fatima (13”28) e Caterina (13”46) si sono sfidate sugli ostacoli (perdendo un ghiacciolo) e Fatima l’ha vinto nel lungo (3,28) mentre Caterina non riusciva a completare la gara per infortunio. Greta, dopo aver corso i 60 in 10”30 collezionava 3 nulli nel lungo (altro ghiacciolo!) mentre Angelica per un soffio non finiva sul podio sulle barriere (11”12 e quarto posto) e otteneva un solo salto valido nel lungo (3,79) Le due nuove arrivate, Marta e Roberta, si comportavano benino: la prima non trovava il getto giusto nel peso, ma poi scagliava il vortex a 28,56 misura che le consentiva di salire sul secondo gradino del podio. Roberta, con una partenza da migliorare, chiudeva la prova di velocità in 9”56, senza infamia né lode. Avrebbe potuto effettuare anche il salto in lungo, ma… non l’ha fatto per eccessiva… timidezza.

Fra gli esordienti sfortunatissima Elisa, quarta sia sugli ostacoli (9”74) che nel lungo (3,52) mentre Marta si migliorava in questa disciplina (3,28) e saliva al secondo posto del podio grazie al lancio del vortex (26,56). Anche Andrea Abeni scalava il secondo posto nella stessa specialità (35,85) ed era quinto sulle barriere (10”60) che hanno visto la rinuncia di Davide per un guaio muscolare. Due podi per l’ottimo Matteo Rigoni che ha conquistato altrettante medaglie di bronzo grazie al 3,93 nel lungo e al 9”46 sulle barriere. Anche il piccolo Thomas si comportava bene ottenendo 11”24 sugli ostacoli e sfiorando i 20 metri nel vortex. Una bella mattinata ringraziando i genitori presenti, la bella “cucciolata” di Fabio (tecnico e genitore appassionato indispensabile alla società) e la presenza discreta di Simona, consigliera tranquilla e rilassata come non mai. Per le cadette il prossimo impegno è legato ai “regionali”: non mancate! Complimenti a Letizia Rosa che affianca la mamma nel delicato compito di segreteria-gare. Il fine settimana è stato davvero speciale per ELENA CARRARO: impegnata nel campionato regionale la nostra validissima allieva ha vinto la gara dei 100 ostacoli con il nuovo PB portato a 14”35 e il giorno dopo si è splendidamente destreggiata nel salto in lungo ottenendo un ottimo 5,45, salendo sul terzo gradino del podio. Splendidi risultati meritati per il lavoro costante che svolge con il bravo coach Andrea. Peccato per l’attacco influenzale che non ha permesso all’altro nostro gioiellino, Stefano, di farsi valere e apprezzare (anche se per il triplo, secondo me, può… attendere) Martina, Silvia e Benedetta daranno attese ad altre conferme. E’ tutto, ciao.

 
             

Paolo