Nave, 4 giugno 2017
Chiari, Verona, Bressanone e Gavardo... in TV: che spasso per gli amanti dell'atletica!

A Chiari impressionante presenza di atleti delle categorie giovanili per dar lustro alla manifestazione di carattere nazionale(allievi/e) e regionale (Cadetti/e). Un plauso agli amici dell’Atletica Chiari per riuscire ad organizzare nel migliore di modi autentiche “maratone” di questo tipo. Peccato per la (quasi) concomitanza con una rassegna internazionale, Brixia Meeting, che si teneva a Bressanone. Sono mancati diversi giovani, convocati per la rappresentativa lombarda che si è fatta onore. Fra le speranze talentuose bresciane mancavano elementi quali Zobbio, Ducoli, Favalli, Campana, Vecchi, Caceffo, Bertolani e la nostra stupenda Elena Carraro che a Bressanone ha ottenuto l’ennesimo miglioramento sulle barriere correndo in 14”36 nonostante un fastidio alla caviglia.
Splendida prestazione che ci auguriamo ”ulteriormente” migliorabile in vista dei campionati tricolori di Rieti!

A Chiari Stefano Cordella si è cimentato nell’asta valicando quota 3,70. Ottima gara. Anche le cadette Marta e Simona sono scese in pista, mentre Alessia si godeva una breve vacanza… salutare con i genitori.
Marta è apparsa in palla e si è migliorata sia nei 300 che sulle barriere ritoccando i personali rispettivamente a 45”64 e 14”17. Passettini preziosi per una autostima da coltivare!
La stakanovista (non è una parolaccia…) Simona si batte bene, ma attualmente i suoi risultati stagnano: sarà il caldo? Sarà la stanchezza? Un motivo di gioia per lei viene dalla convocazione nella rappresentativa bresciana per l’appuntamento dell’11 giugno: avrà accanto l’amica Alessia, convocata nella stessa gara (300)

A Verona, nel Trofeo Pindemonte, Veronica Rossetti è alla ricerca dei 40 metri nel disco: ottiene 38,70, ma la serie è davvero bella e… l’evento non tarderà a realizzarsi, meglio se avverrà nel corso delle imminenti gare nazionali di Firenze!
Altre giovani allieve (Benedetta, Silvia, Martina) e cadette potevano partecipare alle gare di Chiari senza alcuna remora. Peccato. Spero lo facciano nei prossimi impegni, anche serali, di carattere… provinciale, ampiamente alla loro portata.

Conclude la mia “solfa” contento di aver visto in TV l’impianto di Gavardo (il mio paese natìo) nell’occasione del Meeting di carattere internazionale del 4 giugno.
Ho visto cose interessanti soprattutto nella velocità e mezzofondo, un po’ meno da altre discipline (triplo, lungo) strombazzate per presenze illustri. Mi sono chiesto: riusciremo a vedere in TV anche pista e pedane di Nave?
Credo di sì, quando la loro ristrutturazione non costerà 5/ 6mila euro.
Scherzo, ma non troppo!

 
             

Paolo