Nave, 10 luglio 2017
Straordinaria Alessia, bravissimi Veronica, Elena e Stefano (“Giobbe”)

Alessia Seramondi non finisce di stupire! Convocata per un “test” nell’ambito dello splendido Meeting di Nembro (BG) fra le specialità 80, 300 e lungo ha scelto, col suo allenatore Andrea, di disputare quest’ultima disciplina. Arrivata in ritardo a Nembro con Andrea e l’appassionato nonno Sandro che l’accompagna ovunque, causa traffico ed errore di percorso, si è affrettata a confermare l’ iscrizione e, con scarso riscaldamento e un paio di rincorse ha affrontato la gara.
Nervosa? Un pochetto, ma per problemi che non c’entrano con il salto…
Inizia la progressione con un buon 5,23: "Stacca con il piede sbagliato", mi dirà Andrea, e già capisco che sarà la giornata giusta per fare un bel risultato.
Al secondo tentativo infatti coglie la folata regolare (+ 1,1) e l’asse di battuta giusta stampando un 5,76 davvero mirabile che, ovviamente, risulta il nuovo primato provinciale di categoria e una delle prestazioni nazionali più interessanti (la miglior prestazione italiana stagionale è 5,78 realizzata da una certa Japichino figlia dell’astista e di Fiona May!)
Il terzo salto è un nullo, ma al quarto tentativo Alessia (che “bagna” le scarpe nuove della specialità) è ancora potente ed efficace (5,61)
Che dire? Stiamo con i piedi per terra e cerchiamo di stare calmi anche se il cuore ci suggerisce il contrario. Personalmente rivivo certe esperienze provate con Alberto Papa, guarda caso anche lui lunghista e vincitore nello stesso giorno ad Orvieto nel campionato nazionale amatori 55enni con 5,65! Davvero una singolare coincidenza.

A Cuneo domenica erano invece impegnati con la rappresentativa bresciana mista (allievi-junior) Elena, Stefano e Veronica; quest’ultima sbriga con relativa facilità la pratica e vince il getto del peso avvicinando ancora i 12 metri. In questo momento sta lavorando a livello di “rimessa in forma” e svolge lavori un po’… particolari che dovrebbero risvegliarle… altre abilità.
Io ho fiducia nel lavoro proposto, Lei ha fiducia in me… credo che vada bene così, altrimenti qualcun altro dovrebbe dirmi come mai è sempre in forma nei momenti che contano.

Bravissima Elena che, pur tirando un sospiro di sollievo per la lunga stagione, è ancora pimpante e fa meglio (cronometro alla mano…!) sulle barriere alte che su quelle basse e inoltre ottiene il bronzo nella staffetta 4x100 con le colleghe Adu, Tomasoni e Bonora.

Straordinario (per la pazienza di… Giobbe!) è Stefano: convocato nell’alto si vede inserito nel peso e poi si cimenterà… sugli ostacoli accettando ragioni di… punteggio. Esemplare!

Un cenno doveroso di gratitudine lo voglio dedicare ad Andrea che segue questi nostri “gioiellini” in modo incredibile, con attenzione, professionalità, generosità, competenza. Gli ho rimproverato solo che i gioielli… si devono mettere in mostra negli appuntamenti che contano: un campionato provinciale come quello di Gavardo non si doveva snobbare. Primo perché chi organizza merita di avere i migliori talenti e secondo perché l’Audaces Nave deve confermare che coltiva autentiche promesse nella specialità. Terzo perché tutti noi possiamo gioire nel vedere e leggere le imprese dei giovani che, in questi anni, abbiamo accompagnato nella loro crescita sportiva, ma soprattutto umana.
Complimenti a tutti!!!!

 
             

Paolo