Salò, 30 aprile 2017
A Salò bravi gli audacini... e splendida Alessia

Una bella prestazione di squadra quella fornita dal team dell’Audaces Nave in occasione della 45^ (!) edizione del Trofeo del Garda organizzato dalla Robur Barbarano e caratterizzato dalla inaugurazione della nuova pista azzurra .

I colori giallorossi navensi hanno brillato grazie alla forza del gruppo (nonostante alcune assenze!) e alle prestazioni davvero egregie di alcuni protagonisti; spiccano per qualità tecnica le vittorie di Alessia nella gara di velocità (80 metri… divorati in 10”22) e nel salto in lungo (un 5,64… mostruoso ottenuto con la sola velocità di entrata!). Si tratta di prestazioni di livello nazionale che già valgono l’accesso a prestigiose manifestazioni tricolori.
Dalle pedane dei salti in effetti sono venute le prestazioni tecniche significative con l’1.70 sfiorato dalla Romano e l’1.80 superato dal cadetto Nigito, ma ottimi riscontri anche nella velocità e nel mezzofondo a dimostrazione che la pista azzurra funziona a dovere.

Tornando ai “nostri” audacini sono senz’altro da segnalare i progressi di Marta nella velocità (11”24 e nell’alto con 1,40) la conferma di Simona nel getto del peso (8,92) con uno splendido secondo posto e nella velocità (11”28) i buoni progressi di Flavia nel lungo (4,44) e la prospettiva di un miglioramento globale nella staffetta, puntualmente verificatosi il 1° maggio a Chiari nel campionato regionale di staffette dove la 4x100 “audacina” ha colto un brillante 4° posto con 52”66, a pochi centesimi dal record sociale detenuto da altre 4 validissime atlete.

Nella categoria ragazze grande prestazione del quartetto veloce (Emma, Angelica, Ludovica ,Sara) con il secondo posto sul podio grazie ad un probante 58”50.

In precedenza Ludovica aveva letteralmente… demolito il suo PB sui 1000 di 9” secondi correndo la distanza in 3’30”64 che entra ora come primato societario di categoria scalzando il precedente ottenuto dalla pimpante Arianna Pedrali.
A completamento delle gare femminili brave anche Caterina ed Elisa nelle rispettive discipline, così come il “trio” Giuseppe, Luca, Marco in campo maschile; vento trasversale e vortex “ particolare” hanno forse compromesso il raggiungimento di prestazioni più valide.
Pimpante il settore “esordienti” con elementi che promettono assai bene: sono tutti da citare ed elogiare con Elisa brava sia nella velocità (sfiorato l’ingresso in finale) che sui 600, Cristina nei 50, Rita nel lungo e nella velocità, Marta addirittura vincente nel vortex con 24,26.

Non da meno i ragazzi con lo splendido successo (e record migliorato a 30”88) nella staffetta 4x50 composta da Lorenzo, Matteo ,Davide e Andrea, gli stessi protagonisti, insieme a Thomas , di prove assai valide nella velocità , nel salto in lungo , nel vortex e nei 600 (peccato per la caduta di Davide 2 che comunque ha concluso bene la sua gara).

Nel complesso un buon comportamento di squadra che ha consentito all’Audaces Nave di collocarsi al quarto posto fra i 30 sodalizi sportivi presenti e di festeggiare l’avvenimento con grande gioia, confortati dalla simpatica presenza della mascotte sotto la quale “sudava” un giocherellone impagabile e trascinante.
Il successo è andato meritatamente alla formazione locale della Robur Barbarano che ha organizzato impeccabilmente la manifestazione.
Robur è un termine che in latino significa “Quercia” e mai s’è vista tanta “forza“ in un gruppo sportivo che ha presentato radici profonde (dirigenti e genitori), fronde copiose (i tecnici validi) e splendidi germogli (i tantissimi atleti).
A questa società amica rivolgiamo il nostro plauso per la bella giornata che ci hanno fatto vivere e l’augurio sincero di raggiungere altri prestigiosi traguardi attraverso il valore e i sani principi autentico dello sport che sanno promuovere così bene.
Personalmente sono ritornato con la mente ad una delle prime manifestazioni del Trofeo, vissuta da tecnico , verificando che si trattava di… quarant’anni fa!

In sintonia con questi ricordi segnalo di aver ritrovato e salutato cordialmente sul campo di Salò l’ex parroco mons. Gianluigi e il mio ex dirigente Dino Comini…

E’ con questi pensieri che concludo prima di lasciami prendere da... troppa malinconia. Il prossimo impegno ci vedrà nelle vesti di organizzatori per ricordare il nostro presidente Angelo Greotti e ognuno faccia il possibile per ricambiare il bene che ci ha voluto.

 
             

Paolo

 
  I risultati