Villa Carcina, 10 gennaio 2016
L'anno nuovo inizia con una splendida campestre!

Il buon 2016… atletico i nostri “audacini” ce l’hanno offerto impegnandosi in un cross country assai bello e suggestivo, disputato nel parco di Villa Glisenti a Villa Carcina.
Un appuntamento onorato nel migliore dei modi dalla società organizzatrice e da noi che abbiamo condiviso i loro sforzi portando un buon numero di atleti ai nastri (!) di partenza. Come inizio non c’è che da rallegrarsi! Poche assenze, tanta serenità, tanta partecipazione e… tanti sforzi, apprezzati, da parte dei nostri atleti.
Meglio di così non si poteva fare! Le condizioni meteorologiche non garantivano alcun fattore positivo! La pioggia… attesa, che abbassa l’inquinamento, ma alza il… fango, non ha rovinato il manto erboso di Villa Glisenti, calpestato da tantissimi atleti. Una bella mattinata, con il sole a far capolino sugli sforzi di chi organizza e di chi partecipa ad una rassegna di cross giovanile che, personalmente, mi ringiovanisce di qualche anno. Gli “audacini” al via erano tanti e tutti hanno dato il meglio!
E’ una lezione apprezzata da tutti noi allenatori, dirigenti, accompagnatori: ci fa capire che il lavoro che svolgiamo è apprezzato e compreso dai giovani e dai genitori che li accompagnano in queste esperienze.
Ci fa capire che stiamo “crescendo” bene insieme, volendo l’unica cosa che ci accomuna: la crescita armonica dei nostri ragazzi!
A volte mi sembra di essere un prete che fa il suo sermone dal pulpito, ma credetemi, ci sono giornate che vorrei fossero moltiplicate a dismisura: la mattinata di Villa Carcina è una di queste, vissuta salutando amici organizzatori, partecipanti, allenatori, genitori, ragazzi e anche… animali.
Non so spiegarvi bene i motivi, ma il cross country, la campestre, fanno parte del mio dna e il solo fatto che uno arrivi al traguardo mi dispone l’animo a considerarlo come un mio “preferito”, uno che è entrato a far parte del mio mondo personale.
Tutti i nostri atleti sono stati bravissimi; chi ha osato è stato gratificato, chi ha partecipato ci ha messo il più grande impegno, chi è giunto al traguardo trafelato ed avendo speso ogni energia ci è entrato nel cuore: il mio e certamente nel cuore di Fabio, Carlo, Renato e soprattutto Alessandro, il nostro Presidente che sta facendo gli “straordinari” lavorativi, ma è sempre presente accanto a noi (e lo dimostra il… ritorno delle belle immagini!)

Che altro aggiungere? Certamente che sono fiero del gruppo, che non mi importa la classifica, quanto il vedervi felici e soddisfatti (anche se... distrutti!) che mi dispiace per quanti non hanno potuto essere presenti, che è impagabile la soddisfazione letta su tanti visi, così come la serenità espressa da chi non ha potuto esprimersi al meglio o ha fatto il massimo di quanto gli veniva richiesto. L’ho già detto e lo ripeto: siamo una squadra… fortissimi!
Fortissimi di gioia, fortissimi di serenità, fortissimi di genitori in sintonia, fortissimi di ironia, fortissimi nelle nostre debolezze, fortissimi nel nostro affiatamento, fortissimi di gioire delle piccole grandi soddisfazioni che ci procura l’Audaces Nave. Mi manca un tassello: devo tesserare anche il mio dentista!
Scherzi a parte, bravi davvero! Un abbraccio a tutti!

P.S. Un elogio anche a quanti fanno musica, a chi scrive cartoline, a chi ci è vicino, a chi scrive resoconti, a chi ci legge, a chi ci vuol bene, a chi ci aiuta…

 
             

Paolo

 
  Le immagini              
  I risultati