Chiari, 10 aprile 2016
Una bella… lunga… giornata di sport in amicizia, nel ricordo di Davide

Davide Boroni, giovane atleta valtrumplino troppo presto rapito al cielo, meritava un ricordo sportivo come quello promosso domenica 10 aprile su pista e pedane di Chiari.
Troppo grande il dolore per la perdita di un giovane per inoltrarci in polemiche; io stesso, gran brontolone, sono partito da casa con il proposito di onorare Davide senza fare alcun commento sulla probabile e inevitabile lunghezza della manifestazione e, caro Davide, mi sei testimone che ho mantenuto la promessa.
Voglio complimentarmi con organizzatori, giudici, sponsor, federazione, per aver dedicato a Davide un omaggio coinvolgente e commovente, vissuto gioiosamente dai nostri piccoli-grandi atleti.

L’Audaces Nave si è dimostrata squadra ben preparata in ogni settore, dagli esordienti cari a Fabio, ai ragazzi/e seguiti da Paolo e dai cadetti che si allenano con Andrea e Paolo. C’è da essere soddisfatti sia dei giovani che dei loro pazienti genitori che li hanno incoraggiati con dedizione sino a… sera inoltrata.

Nel primo pomeriggio sono scesi in pista i più piccoli (Bettinzoli, Croci, Degiacomi, Sandrini, Schirolli, Belli, Bellingeri, Cavagna, Mantovani e le piccolissime Asia e Francesca insieme a Pietro e Tommaso) alle prese con ostacoli, marcia, salto in lungo, 400, lancio della pallina: bravissimi, tutti da elogiare per essersi divertiti e impegnati al tempo stesso facendo emergere il buon lavoro fatto con il “maestro” Fabio.

Nella successiva fase dedicate alle gare della categoria ragazzi e ragazze si mettevano in luce Nicolò e Jado fra i maschi e le già “pimpanti” Alessia, Aida, Susan, Naomi, Angelica, Martina, Angela fra le ragazze.
Non meno validi erano i comportamenti di cadetti e cadette: Elena, superba in 12”29 conquistava già il minimo per i “nazionali” sulle barriere, Stefano si migliorava nei 100hs e andava oltre l’1.70 nell’alto, preceduto soltanto dal “potente” Soltan, Simone vinceva la gara di lancio del disco sfiorando i 20 metri, Letizia era analogamente nella top five della stessa prova femminile con 18,56, Alessandro era bravo nell’alto e bravissimo sui 300 corsi per la prima volta in un interessante 44”16 e bravissime anche Flavia (300... quasi sotto i 50”) e Lucilla a saltare 1,30 con la... luna in cielo!
Fra le allieve la “nostra” Veronica otteneva il successo nel triathlon allieve (lungo, giavellotto, 100 metri) confermando la sua poliedricità non solo nei lanci.
Il giorno prima, sempre a Chiari, Martina correva i 20’ minuti in pista totalizzando 4248 metri, un buon viatico per l’esordio nella categoria a livello regionale.

Cosa ci ricorderemo di questa giornata? La felicità di Simone e Letizia al loro primo, ufficiale e positivo, appuntamento nella pedana del disco, la tenerezza di Jado che dopo essere arrivato per primo a Chiari rischiava di non partire nella gara ad ostacoli, le ansie di Angela alle prese con vortex e barriere, la determinazione di Elena e Stefano nelle rispettive gare, la serenità di Alessia nonostante rincorse e partenze, le capacità di Nicolò sfortunato 11° in classifica, la paura controllata di Flavia, le belle prestazioni di Susan e Naomi, la tranquillità di Aida e la disponibilità di Martina, la potenza e timidezza di Alessandro, l’esplosività di Angelica, la maturità di Lucilla, la serietà di Veronica… dopo la parentesi della gita scolastica, la felicità dell’esordio di Martina fra le allieve, la gioia che accomunava tutti gli esordienti e il loro impegno nella marcia, la generosità di Francesca che prima di partire, alla mia battuta “non ho ancora mangiato” rispondeva pronta con uno straordinario “Ho qualcosa io da darti” cercando di aprire la borsa! Aggiungete la disponibilità dei pazienti genitori, di Fabio, Andrea, Carlo, Renato, l’esempio di attaccamento alla squadra del Presidente e la splendida giornata di sole!
Pensate che mi sto rimbecillendo?
Può essere… vista l’età, ma è stato un fine settimana intenso, gratificante, per molti nostri giovani con una doverosa presenza nel ricordo struggente di Davide.
Prestigioso anche l’inserimento fra le sei società nella classifica a squadre; con due o tre altre “presenze” si potevano “scalare” anche altri gradini.
Dobbiamo essere “compatti” a Salò. (Chi ha orecchie per intendere… intenda).

L’osservazione conclusiva è la speranza che il proseguo della stagione ci riporti a tempi più ridotti e sopportabili per tutti (atleti, giudici, organizzatori, accompagnatori e… genitori)
Prossimo appuntamento sabato 16 aprile a Chiari per cadetti/e-ragazzi/e
Sarà una seconda, bella, giornata per tutti, anche per quelli che oggi erano assenti, più o meno giustificati.

Ciao e complimenti sinceri a tutti.

 
             

Paolo

 
  Le immagini              
  I risultati