Ciliverghe di Mazzano, 4 dicembre 2016
Il cross di Villa Mazzucchelli chiude la stagione 2016

Villa Mazzucchelli a Ciliverghe ospita l’ultima corsa campestre della stagione 2016: l’ambiente è davvero spettacolare, il tempo clemente, l’organizzazione semplicemente perfetta, con quel tocco in più (vedi mascotte apprezzata dai piccolissimi) che gli amici di Rezzato ci mettono quando sono chiamati all’impegno. La partecipazione è davvero notevole, anche se la parte del leone la fanno le varie categorie degli esordienti e ragazzi. Chi poi osserva la sparuta presenza di atleti “allievi e allieve” è portato ad una immancabile riflessione: dov‘è tutta la gioia e l’entusiasmo che anima protagonisti piccoli se, poi, poco rimane quando si dovrebbero tirare le somme della… semina? E’ un argomento che sottolineo da tempo, ma ormai mi sono rassegnato e non resta che prenderne atto.

L’Audaces Nave non fa eccezione e si presenta con un buon gruppetto di partecipanti: ci sono le pimpanti Elisa e Margherita fra le esordienti, Giuseppe, Davide, Luca e Andrea nella stessa categoria maschile e tutti si esprimono al meglio delle possibilità, tenendo conto di attitudini e caratteristiche diverse. C’è un buon numero di “ragazze” e questo conforta sia la società che le atlete stesse, anche perché insieme ci si conforta e ci si sprona a superare l’impegno agonistico. Nel percorrere il tracciato disegnato per questa categoria il motivo che ricorre è lo stesso: quanto è lungo! In realtà poi la corsa, affrontata con la dovuta saggezza tattica, non diventa proibitiva e le “nostre” rappresentanti non sfigurano certamente fra le oltre 80 partecipanti; Ludovica e Simona sono più attente in partenza e si collocano in posizioni consone al loro valore, mentre Martina, Silvia, Aida, Elisa e Angelica dosano bene le loro forze e ottengono prestazioni decisamente valide. Bravo è anche Marco, unico rappresentante della stessa categoria al maschile, con una giudiziosa condotta di gara che lo vede inserito fra i migliori della sua annata. Una nota di merito per la gara di Lucilla fra le cadette: la giovane dimostra tutta la sua dedizione e la volontà di concludere una prova faticosa e lunga, pur non avendo molta preparazione (i compiti vengono giustamente prima degli allenamenti), ma è encomiabile la sua voglia di esprimersi e credo sia un motivo di esempio per le amiche che, dal prossimo gennaio, entreranno a far parte della stessa categoria.
Non deve essere la distanza a spaventare, ma la consapevolezza di poter affrontare e superare, di volta in volta, piccoli e progressivi traguardi. L’esempio vale anche per la “nostra” Martina che si colloca al quinto posto fra le allieve. Considerando che le prime due erano bergamasche va dato atto alla nostra atleta che si sta prendendo alcune piccole-grandi soddisfazioni…nella speranza che questa volta finisca almeno fra le atlete segnalate dai resoconti sportivi dei… giornali!

 
             

Paolo

 
  Le immagini              
  I risultati