Castenedolo, 21 febbraio 2016
Castenedolo: due ragazze d'oro

L’impianto indoor di Castenedolo vede la partecipazione “audacina” limitata a due ragazze d’oro, Sara e Alessia, mentre Susan è febbricitante e non partecipa. Altri atleti risultano ammalati, impegnati altrove o esentati dalla... lunga trasferta. Stabiliamo un record: 4 fra tecnici e dirigenti a seguire due atlete, ma ne è valsa ampiamente la pena!

Sara e Alessia sono impegnate nella 6^ delle 22 batterie (!) femminili previste, mentre solo 8 saranno quelle maschili. Sara si presenta, nervosa, sui blocchi per la prima volta e aver vicino Alessia se da una parte è confortante (una amica) dall’altra risulta confronto impari. Entrambe si muovono bene: Alessia fa siglare subito il “personale” ritoccandolo consistentemente con 8”33. Sara, più giovane, si batte con determinazione e sigla un 9”74 comunque valido e… migliorabile.
La gara di Alessia prosegue con la finale dove, fra le prime quattro troviamo Alessia, Martina e Elisagiulia (entrambe Villa Carcina); sembra di essere in pista a Nave, dove le tre fantastiche ragazze si allenano! Il confronto è vinto ancora dalla nostra splendida Alessia: il display segnala un 8”28 che poi viene arrotondato a 8”30.
E’ esattamente record di categoria dell’Audaces Nave che ora risulta condiviso sia da Licia che da Alessia!

Più tardi, molto più tardi, sia Martina che Alessia saranno ancora protagoniste nel salto in lungo: Alessia “plana” subito a 4,68 lasciando intravedere margini di miglioramento, ma è valida anche la risposta di Martina con ampio P.B. a 4,54.
Un nullo millimetrico segnala l’esordio di Sara (circa 4 metri) che poi si presenta con buona grinta in altri due salti di valore; 3,82 e 3,78.
Alessia si scoordina un po’ sul secondo salto, mentre nel terzo riprende a volare: favorita(!) dal… digiuno forzato atterra a m. 4,66.

Due successi di caratura provinciale che Alessia vive con serenità, gestendo bene le due discipline, se si esclude la partenza dai blocchi nella finale, quando il movimento è apparso poco esplosivo e scoordinato tanto da temere una partenza falsa!

Sfortunato nel salto in lungo il giovane Matteo Carasi, con due nulli molto lunghi, ma la soddisfazione di salire sul secondo gradino di un podio che ha ospitato in questa rassegna parecchi giovani valtrumplini.

Giornata lunga, intensa, ricca di soddisfazioni per Alessandro, Renato, Carlo e per me, oltre che per i genitori e conoscenti che hanno applaudito le imprese delle nostre due atlete; speriamo sia di buon auspicio per la stagione su pista che si avvicina a grandi… balzi.

Anche nel lungo, con 4,68, Alessia eguaglia il record personale e rimane appaiata a Licia, come una gemella, nella lista dei primati sociali della categoria.

Una nota personale per segnalare che sabato sera ho rivisto a teatro mia cugina Paola Rizzi (Teatro Gavardo) impegnata nel monologo di J. Comini intitolato: ”Bella senz’anima”. Commedia esilarante, spassosa, recitata in modo eccezionale: se vi capitasse non perdetela!
Non perché è mia cugina, ma perché è davvero brava! 90 minuti di risate garantite che favoriscono il buon umore e la gioia di vivere. A presto

 
             

Paolo

 
  Le immagini              
  I risultati